8 Maggio, 1 Promenade, 6400 Cinesi

Mi sto occupando delle operazioni di un incentive per 6000 Cinesi su Nizza, mi dice qualche settimana fa una mia amica che lavora negli eventi.                                                – Un incentive per 6000  persone ?? Ma è una follia! ho esclamato.  E chi è il folle che paga per una cosa del genere?

Ieri, ho visto un’onda di Cinesi, tutti con la stessa maglietta color azzuro Benetton-Renault, dilagare nelle vie della Nizza vecchia e allora ho capito.                                                Il folle in questione si chiama Li Jinyuan, è il presidente del gruppo Tiens e non è poi così folle.

Offrendo un soggiorno-incentivo in Francia ai suoi commerciali, fra cui un fine settimana a Nizza, ha creato un evento mediatico che rischia di entrare nel Guinness dei Primati per non uscirne più.

Prima di sparpagliarsi nella Nizza Vecchia, i dipendenti di Li Jinyuan sono arrivati in massa sulla Promenade e, sistemandosi su dei punti di riferimento segnati al suolo, hanno formato la più lunga frase umana mai vista dal cielo.

tiens

E, visto che Li Jinyuan ha scelto l’8 maggio (Festa della Vittoria, che celebra la fine della Seconda Guerra Mondiale, ndr) per il suo incentive, si è pure concesso il lusso di sfilare sur una Jeep americana.

jeep

Le ripercussioni economiche di tale operazione sono stimate fra i 13 e i 20 milioni di euro. Sono state prenotate 4 760 camere d’hotel 4 e 5 stelle fra Cannes e Monaco a cui si aggiunge l’affitto di una sala con 10 schermi giganti per una convention e l’impiego di 146 bus per gli sportamenti.

Areva diventa cinese ?

Due giorni fa, ho letto su Le Monde che Areva, a causa di scarsi risultati, sopprimerà in un futuro prossimo fino a 6000 posti di lavoro, dei quali 4000 in Francia. E non è un segreto che Areva faccia venire l’acquolina in bocca ai Cinesi.

Il primo ministro, Manuel Valls, l’ha detto in Gennaio, durante una sua visita in Cina : il governo è favorevole all’apertura di un nuovo capitolo della storia dell’energia nucleare franco-cinese. Dovrà essere in grado di contrattare delle solide contropartite, come l’accesso ad una ampia fetta del colossale mercato cinese.

Il che, tradotto, significa : non solo non siamo più capaci di trarre partito da ciò che sappiamo fare meglio, dopo Alstom rischiamo di svendere Areva. Ma per fortuna ci sono i Cinesi a darci delle lezioni di capitalismo di alto livello.

Ho pensato a quella notizia ieri, guardando l’onda cinese riversarsi nella Nizza Vecchia. Forse Li Jinyuan assumerà le 6000 persone licenziate da Areva per poter organizzare un incentive per 12 000 persone l’anno prossimo ?

Advertisements
This entry was posted in Attualità, Costa Azzurra, Eventi, Nizza, Turismo and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s